“L ‘Oro dei Napoli”

Spettacolo ideato per il mondo dei Pupi e della Famiglia Napoli ma anche riflessione sulla storia contemporanea di Catania. Immaginare gli ultimi cinquant’anni di storia catanese come la descrizione di un naufragio, un inconsapevole naufragio culturale di cui noi cittadini catanesi siamo stati vittime ed artefici allo stesso tempo.

 

La Famiglia Napoli immaginata come una scialuppa sopravvissuta ostinatamente a tutto questo, una scialuppa carica di un tesoro incommensurabile che naviga a vista scegliendo di tanto in tanto un approdo; Qui l’equipaggio venuto a contatto con gli abitanti del luogo prova ad offrire qualcosa di questo immenso tesoro. Questo è il contesto poetico in cui si è scelto di incorniciare la rappresentazione, l’ auto-dramma della Famiglia Napoli di Catania, pupari da 4 generazioni, portatori di una anomalia felice, un vascello fantasma che tutti sanno esistere ma che nessuno sa dove cercare.

Come si può raccontare la storia di una famiglia così? Probabilmente come qualsiasi genealogia: lasciando parlare loro, la famiglia, il gruppo, la Marionettistica; Ma con gli anni la famiglia si è allargata, loro non sono più soli, “loro” sono centinaia di Pupi, grandi e piccoli, antichi e recenti, sono fondali dipinti, sono “barruni, scannapoggiu, mandali”, e poi martelli, “puntiddi”, strumenti di precisione per lo “sbalzo” del metallo, i copioni, le tecniche; possiamo dire che oggi tutto questo è la Famiglia Napoli e chiedergli di aprire l’enorme forziere dove è racchiuso questo enorme patrimonio. Il loro racconto può essere il racconto dell’ ultimo mezzo secolo di storia catanese, di storia d’Italia, la storia di una forma d’arte nobile e preziosa, troppo fragile per combattere il “progresso” e troppo profonda per esserne sconfitta, fragile e profonda come i sogni o come uno spettacolo.

Approfondimenti

il massacro di roncisvalle
La Famiglia Napoli sul ponte di animazione
orlando suona l'olifante
Fiorenzo, Giuseppe e Italia Chiesa Napoli

Scheda tecnica

- Drammaturgia: Salvatore Zinna
- Scene Pupi: Alessandro e Fiorenzo Napoli
- Regia: Elio Gimbo

- Genere: teatro di figura e attori

- Durata: 2 ore circa.

- Fascia d'età: adulti e ragazzi dai tredici anni in su.

- Tipologia: di innovazione

- Tecniche linguaggi espressivi:
Attori e Pupi siciliani di tradizione catanese; Recitazione dal vivo; Animazione a vista

- Struttura in scena:
3 strutture scenografiche di Opera dei pupi poste sul palco.

- Base musicale: di repertorio; registrata

- Esigenze tecniche: Spazio scenico ( largh. 20 mt. x profond. 10 mt.)
                                       Se all’aperto, palco (20 mt. x 10 mt. x 1,5 mt.)

- Assorbimento elettrico: 20 kW.

::Necessità di oscuramento sala.

Richiedi un preventivo